Salta il contenuto
Che cosa si intende per vino biologico?

Che cosa si intende per vino biologico?

Il vino biologico è facilmente identificabile perché è una certificazione ufficiale ed europea. I vini biologici certificati sono generalmente riconoscibili grazie al logo biologico spesso (ma non sempre) apposto sulle etichette. Se il logo non è presente sulla bottiglia, il viticoltore deve essere in grado di produrre il suo certificato. L'etichettatura biologica rispetta severi standard, oltre al logo, ha il codice dell'ente certificatore e l'origine del prodotto.

Il vino biologico inizia con l'uva biologica

Può sembrare ovvio, certo, ma la produzione di vino biologico inizia con la produzione di uva biologica. Prima del 2012, infatti, la nozione di vino biologico non esisteva: solo le uve erano biologiche e nulla regolava le operazioni di lavorazione. Quindi avevamo vino “da uve prodotte biologicamente” e non vino biologico come lo intendiamo oggi.

Nel complesso, l'agricoltura biologica, disciplinata dal 1991 dal regolamento CEE n. 2092 della Comunità Europea, significa che il produttore non ha il diritto di utilizzare prodotti “sintetici” nel suo processo produttivo. Ha invece il diritto di utilizzare prodotti che si trovano allo stato naturale.

Esempio: lo zolfo è un prodotto fitosanitario che si trova naturalmente, mentre il "tebuconazolo", efficace sulla stessa malattia, è sintetizzato dall'industria chimica.

Malattie della vite

La vite è molto suscettibile a due malattie fungine: la peronospora e l'oidio, ed è quasi impossibile ottenere l'uva senza proteggere le piante da queste. Fortunatamente per la viticoltura biologica, ci sono due fungicidi essenziali nella lotta contro questi funghi: il solfato di rame per la peronospora e lo zolfo per l'oidio.

Questi due prodotti, la cui scoperta è antichissima e il cui utilizzo è secolare, possono essere utilizzati quando si vuole produrre un vino biologico, con limiti quantitativi per il rame, i cui residui nel terreno possono rappresentare un problema. A seconda delle zone di produzione, l'uno o l'altro di questi pesticidi verrà utilizzato più o meno.

Altri prodotti, a base di argilla o di estratto di agrumi, sono disponibili nella farmacopea biologica, tuttavia, ad oggi la loro efficacia rimane limitata. Questi pesticidi, proprio perché sono pesticidi, sono prodotti "a contatto" che non penetrano nella pianta e hanno classificazioni tossicologiche abbastanza "neutre".

Concimi in viticoltura biologica

Nessun fertilizzante chimico è autorizzato nella viticoltura biologica. Il viticoltore biologico può utilizzare compost, letame o qualsiasi forma di fertilizzante organico nonché alcune sostanze minerali presenti in natura (calce, solfato di potassio). La vite è una pianta che non necessita di molti apporti a meno che non si vogliano produrre grandi rese, e i concimi organici a disposizione consentono di mantenere un corretto livello di produzione. La resa non è legata solo all'uso di fertilizzanti, altri fattori sono importanti, come l'età della vite, il vitigno o la disponibilità di acqua.

Cosa garantisce un vino biologico?

Un vino biologico è sempre ottenuto da uve biologiche. Hai quindi la garanzia che nessun prodotto sintetico è stato utilizzato per produrre l'uva da cui è ottenuto. Nessun diserbante, nessun fertilizzante chimico e prodotti per il trattamento principalmente limitati a zolfo e rame. Ciò non garantisce però le “buone pratiche vitivinicole” (trattamento dei rifiuti e degli effluenti, gestione ragionata della vite, consumi idrici o energetici), la viticoltura di qualità (e quindi il vino), né l'impatto sulla biodiversità o sull'impronta di carbonio. 

Nei prossimi articoli parleremo della vinificazione biologica che permette di trasformare l'uva biologica in "vino biologico", biodinamica o addirittura vini naturali. Nel frattempo, vi invitiamo a scoprire la nostra gamma di vini biologici!

Vini biologici in Bag in Box

Articolo precedente Cosa si abbina alla Carbonara?
Articolo successivo Tempranillo, il vitigno spagnolo per eccellenza: caratteristiche e abbinamenti

Lascia un commento

I commenti devono essere approvati prima di pubblicazione

* Campi obbligatori

VINBAGINBOX