Salta il contenuto
“Contiene solfiti”: cosa significa questa espressione?

“Contiene solfiti”: cosa significa questa espressione?

"Contiene solfiti", una dicitura che si vede spesso sull'etichetta delle bottiglie di vino o sui bag in box. Ma sai cosa sono i solfiti? E a cosa servono?

Perché aggiungere i solfiti al vino?

L'ossigeno, come certamente saprai, non è amico del vino. Infatti, in presenza di ossigeno il vino si trasforma gradualmente in aceto. L'aggiunta di solfiti previene l'ossidazione del vino a contatto con l'ossigeno. Tuttavia, i solfiti hanno anche altri usi. Sono utilizzati, infatti, per controllare la fermentazione alcolica, per disinfettare le botti o per accelerare la decomposizione dell'uva. Pertanto, i solfiti giocano un ruolo importante nella vinificazione. Un vino che contiene solfiti è quindi del tutto normale.

Il solfito è presente a un livello di poche decine di milligrammi per litro nei vini rossi (circa 150 mg per litro di vino per un vino rosso e forse si avvicina a 400 mg per litro nei vini bianchi dolci). Una presenza che è lontana dal limite autorizzato dalla normativa.

Altri nomi sono usati per designare i solfiti. Tra questi ultimi i più presenti sono: anidride solforosa (SO2), bisolfito di sodio, solfito di sodio, agenti solfitanti, ecc. Tuttavia, il termine "solfiti" è senza dubbio più diffuso.

I solfiti sono pericolosi per la salute?

Il consumo di solfiti è generalmente sicuro per la salute. Detto questo, alcune persone potrebbero avere un'allergia ai solfiti. In questo caso, dovrebbero evitare tutto ciò che contiene solfiti. Inoltre, si pensa spesso che i solfiti causino mal di testa. Tuttavia, il mal di testa è solitamente il risultato di un consumo eccessivo di alcol. Per evitarlo, basta di idratarsi bevendo bicchieri d'acqua durante le degustazioni di vini. La dicitura "contiene solfiti" sulle bottiglie di vino è stata resa obbligatoria nel 2005 a causa della classificazione dei solfiti come allergeni.

Esiste il vino senza solfiti?

Ci sono vini che non contengono solfiti aggiunti (i cosiddetti vini naturali). Va infatti notato che la fermentazione dell'uva produce naturalmente solfiti. Pertanto, anche nel caso in cui non venga utilizzato alcun input, il vino contiene solfiti prodotti naturalmente durante la vinificazione.

Una varietà di alimenti contiene solfiti

Oltre al vino, anche alcuni cibi contengono solfiti. È il caso, ad esempio, di frutta e verdura in scatola o surgelata, ma anche sciroppi di frutta, marmellate, frutta secca, alcuni cereali, pasta e condimenti vari. Pertanto, la presenza di solfiti non si limita al vino.

Articolo precedente Tre film sul vino da vedere + 3 vini da provare
Articolo successivo Il Glera, il vitigno del Prosecco

Lascia un commento

I commenti devono essere approvati prima di pubblicazione

* Campi obbligatori

VINBAGINBOX