Salta il contenuto
Vini rosati... cosa sono?

Vini rosati... cosa sono?

Il rosato è spesso accusato di essere un vino minore, ingiustamente. Il rosé è il primo vino nella storia dell'umanità. È un dato di fatto, il primo vino che l'uomo ha saputo produrre è stato il rosato, in Anatolia, la fertile mezzaluna della Mesopotamia.

I metodi di macerazione delle uve nere non erano gli stessi di oggi, inoltre il vino prodotto dall'antichità fino all'ultimo quarto del '900 era solo leggermente sfumato, veniva chiamato "vinum clarum" (vino rosso chiaro). Fu alla fine del XIII secolo che l'irlandese Jofroi di Waterford, traduttore latino, interpretò e designò per la prima volta il vino con il termine "rosé" per via del suo colore rosso chiaro.

Come vengono prodotti i vini rosati moderni?

Prima di presentare le tre principali tecniche per ottenere vini rosati, è importante ricordare che i vini rosati sono tutti prodotti, in Italia, dalla vinificazione di uve nere. Non è legalmente possibile quindi produrre vini rosati mescolando vini rossi e bianchi, come pensa qualcuno... Il colore dei vini rosati dipende dal tempo di contatto tra la buccia delle uve nere e il mosto d'uva.

Vino rosato da macerazione

Dopo la vendemmia, le uve vengono diraspate (separazione dei chicchi dal "raspo") quindi pigiate (rottura degli acini: polpa, succo d'uva, buccia, seme). Il risultato, detto "mosto", viene poi messo in vasca ed entra nella fase di macerazione delle bucce fino a quando l'enologo ritiene che il colore ottenuto corrisponda alle sue aspettative. Si parla di macerazione pellicolare a freddo, svolta spesso a gradi molto bassi, compresi tra 1°C e 3°C. Il mosto viene poi pressato e posto nei tini. Inizia la fermentazione (trasformazione dello zucchero in alcol). Anche condizionata dal freddo (tra 15°C e 20°C), la fermentazione è lenta e dolce e permette ai viticoltori di catalizzare nel loro mosto il massimo degli aromi precursori.

Vino rosato da pigiatura diretta

Dopo la vendemmia, le uve vengono diraspate (o meno) quindi pigiate direttamente, senza una fase di macerazione sulle bucce. La pigiatura è lenta e controllata per preservare la vivacità e la freschezza aromatica degli acini. L'enologo modificherà la temperatura della vasca quando riterrà che il colore corrisponde alle sue aspettative in modo che inizi la fase di fermentazione. I vini rosati pressati sono generalmente meno colorati rispetto ai loro omologhi macerati.

Scopri la nostra selezione di vini rosati Bag in Box

 

Articolo precedente Negroamaro, caratteristiche e abbinamenti
Articolo successivo Barbera, caratteristiche e abbinamenti

Lascia un commento

I commenti devono essere approvati prima di pubblicazione

* Campi obbligatori

VINBAGINBOX